Chiesa Evangelica Metodista di Piacenza

Cerca
oggi è
ultimo aggiornamento 23 mag 2018
Google+

La lettura di oggi (www.laparola.net)


























































La Sacra Bibbia in Internet
Su questo sito
www.laparola.net troverai molti strumenti gratuiti per lo studio della Sacra Bibbia online.
E' possibile visualizzare e ricercare diverse versioni della Bibbia. C'è anche un programma gratuito da scaricare che fa molto di più sul proprio computer. Fra gli strumenti, ci sono un dizionario biblico, un vocabolario greco-italiano e un'interlineare del Nuovo Testamento e un indice di studi biblici.

Domenica 20 Maggio 2018: Culto di Pentecoste

Servizio Fotografico ( click per accedere )


Circolare di MAGGIO 2018 del Pastore ANTONIO LESIGNOLI

" Il Signore e' pietoso e clemente, lento all'ira e ricco di bonta' "

(Salmo 103,8)


Care sorelle e cari fratelli nel Signore,

Questo versetto - diciamolo subito: bellissimo! - a prima vista sembra innocuo: la tranquilla affermazione di fede in un Dio di amore. Tutto è nelle sue mani dunque tutto è a posto e non c'è motivo di avere alcuna preoccupazione. Già! Solo che questo non è qualcosa di evidente, di lampante, che si accetta senza dimostrazione; nè, tantomeno, è un semplice slogan pubblicitario. Comprendere la verità di questa frase non è un facile approdo, un punto di partenza (sebbene lo sia) ma, prima di tutto, è un punto di arrivo. Soltanto chi ha vissuto momenti difficili, chi ha temuto di non avere più speranze o chi si è giudicato con la massima severità (e condannato!), sperimenta questa grazia sorprendente e immeritata. Là dove il mondo non ci offre alcuna sponda e noi per primi disperiamo di noi stessi, improvvisamente scopriamo che il Signore è al nostro fianco. E così, quella che sembrava una frase tanto carina ma assai improbabile, diventa una realtà sperimentata in prima persona. Non più: "Così sarà", ma: "Così è stato"; non più una promessa da credere, ma testimonianza di vita vissuta.
Questa vera e propria opera di salvezza non soltanto ci apre gli occhi su noi stessi e la nostra quotidianità non soltanto ci permette di cogliere qualcosa di Dio; ma, proprio per questo, cambia pure il nostro giudizio sui testimoni biblici. I Salmi, per esempio, non sono più l'eco di antichi canti e preghiere prodotti da una religiosità primitiva, ma diventano i nostri canti e le nostre preghiere. E la fede di Abramo e Mosè, di Ruth e di Esther, non rappresenta più la prova dell'ingenuità di uomini e donne superstiziose, ma è l'espressione della nostra stessa esperienza di fede. Soltanto chi ha gustato la bontà del Signore conosce la sua misericordia! Credere è comprendere...
E voi, fratelli e sorelle, che avete sperimentato la sollecitudine dell'Eterno, vivete - e fate vivere - all'insegna della sua grazia? O vi limitate a parlarne ogni tanto, timorosi di non disturbare? Se pure ne parlate... Ma credere in un Dio di amore, ed essere toccati dalla sua bontà, significa guardare al mondo, e porsi in esso, in maniera diversa. Come possiamo noi, che siamo stati oggetto di misericordia, non avere pietà per il nostro prossimo? Non avere pazienza, non essere clementi, solidali... Quale società auspichiamo? Quale nazione cerchiamo di edificare? Per chi? Per cosa? Per noi stessi e quelli simili a noi? Molto comodo!
Giacchè questo versetto è una promessa, una testimonianza e un'affermazione di fede, proprio per questo, è anche un programma di vita. Certo, il Signore non ha bisogno di noi per essere "pietoso e clemente, lento all'ira e ricco di bontà", proprio no, ma si serve anche di noi: come ci mostra programmaticamente il giorno di Pentecoste (e non solo). Non sarà la nostra coerenza a far riuscire i suoi piani, ma questa renderà la sua chiesa un po' più credibile; e migliore la vita di ciascuno: anche la tua.

Past. Antonio Lesignoli

circolare di maggio 2018 ( 94 KB )


ECCLESIA SEMPER REFORMANDA EST

riflessione sul cammino ecumenico verso l'unita' cui il Signore ci chiama


A conclusione del convegno di Assisi (20-22 nov. 2017) sui 500 anni della Riforma organizzato dalla CEI in collaborazione con le chiese membro della FCEI, la Chiesa anglicana in Italia, alcune chiese orientali e la Chiesa avventista del settimo giorno e' stato redatto un messaggio, che mette insieme molte delle idee e ragionamenti emersi nelle tre giornate di lavori :


Ecclesia semper reformanda est (78 KB)




CORRIDOI UMANITARI


Il Premio per la pace del Consiglio metodista mondiale va ai metodisti italiani


L'Opera per le chiese evangeliche metodiste in Italia insignita per il lavoro con rifugiati e migranti


vai al sito
World Methodist Council


I 5 SOLA della RIFORMA :







le 5 conferenze tenute a PIACENZA in occasione del 500enario
( click per andare alla pagina )








Non cedere al terrore, costruire ponti di solidarieta'
di Mirella Manocchio 21 aprile 2017 (fonte: riforma.it )

La presidente dell' Opera per le Chiese evangeliche metodiste in Italia Mirella Manocchio sullattentato di ieri in Francia: " forte condanna di un terrorismo che si fa scudo della fede "

"
Noi siamo tribolati in ogni maniera , ma non ridotti all' estremo; perplessi, ma non disperati; perseguitati, ma non abbandonati; atterrati, ma non uccisi; portiamo sempre nel nostro corpo la morte di Gesu', affinche' anche la vita di Gesu' si manifesti nel nostro corpo " (II Corinzi 4,8-10)

Desidero esprimere a nome della chiesa metodista in Italia vicinanza e solidarieta' alle chiese protestanti di Francia.

Vicinanza perche' il loro paese e' stato nuovamente e barbaramente colpito da questo ultimo attentato terroristico a pochi giorni da un evento delicato ed importante come le elezioni presidenziali.

Solidarieta' per gli attacchi a mezzo stampa, ingiustificati e colmi di pregiudizi, che la leader di una forza politica che concorre a governare la nazione ha voluto rivolgere contro le nostre chiese sorelle, da sempre baluardo dei valori evangelici e democratici, stigmatizzandole, invece, come portatrici di interessi contrari alla Francia all' epoca delle persecuzioni cui furono oggetto gli ugonotti.

Desidero esprimere una forte condanna per questo terrorismo che, facendosi scudo della fede islamica, ha voluto attaccare non a caso il cuore di uno dei paesi europei dove la democrazia parlamentare ha mosso i primi passi; ma desidero anche condannare chi fa un utilizzo irresponsabile e strumentale di una tragedia di fede dove proprio la liberta' fu una delle vittime.

In Europa c'e' chi desidera distruggere l' unione tra i governi che, invece, noi vorremmo si implementasse fino a divenire una vera unione tra i popoli in un orizzonte di maggiore giustizia sociale, di tutela di una democrazia effettiva, di liberta' e solidarieta'.

Per questo sono convinta che le chiese protestanti in Francia e in Italia non si faranno vincere dal terrore e da chi vuole minare la basi della democrazia e della solidarieta' fra i popoli contribuendo a creare odio e ad erigere muri, ma continueranno a confidare nel Signore della salvezza e della vita e ad operare per costruire ponti di solidarieta' .



20 anni INSIEME: metodisti piacentini e presbiteriani coreani

click per ingrandire


Evangelizzazione Italiana : I COLPORTORI

I colportori erano i venditori ambulanti di Bibbie ed opuscoli biblici. Sono parecchi i racconti che ci sono pervenuti su questi umili predicatori, tra cui del colportore entrato il 20 settembre 1870 a Porta Pia, dietro ai bersaglieri, conducendo un cane che trainava il suo carrettino biblico.
Esiste tra l' altro un
commento significativo dall' Osservatore Romano del maggio 1890, cosi' come citato da " L' Italia Evangelica " nel numero del 24 maggio 1890:

Ora abbiamo anche la Carrozza Biblica, un ritrovato di cui ha il brevetto d' invenzione la societa' protestante [....]; lo spacciatore e' un tipo fra il ministro evangelico e il cavadenti, il quale dall' alto della vettura cerca di accreditare la merce con discorsi ciarlataneschi nei quali fa entrare un poco di tutto .... e le risa di scherno e le apostrofi burlesche che gli vengono dirette devono avergli fatto gia' inghiottire vari bocconi amari.




Carrozza Biblica utilizzata dai colportori


Questa preghiera veniva predicata dai colportori valdesi fin dal Medio-evo:

(Preghiera di Manasse, vv.8 e 11-13)


Tu, pertanto, o Signore, Dio dei giusti
Non stabilisti di far grazia ai giusti,
come Abramo, Isacco e Giacobbe,
coloro che non peccarono contro di te;
ma stabilisti di far grazia a me, che sono un peccatore.


E ora guarda, sto piegando le ginocchia del mio cuore dinanzi a te;
e sto implorando la tua benevolenza.


Ho peccato , o Signore, ho peccato;
e conosco bene i miei peccati.

Ti imploro;
perdonami, o Signore, perdonami!
Non distruggermi con le mie trasgressioni;
non essere adirato con me per sempre;
non ricordare i miei peccati,
e non condannarmi e non mi esiliare negli abissi della terra!

Perche' tu sei il Dio di quanti si pentono.



COMUNITA' METODISTA di PIACENZA


click per ingrandire


Biblioteca Evangelica

La Chiesa Evangelica Metodista di Piacenza mette a disposizione di tutti gli interessati la propria biblioteca evangelica, composta di centinaia di libri, trattati e opuscoli protestanti. Per prenotare una visita telefonare e/o scrivere al webmaster.

Chi sono i protestanti (o evangelici)
I protestanti (o evangelici) sono cristiani. Credono cioè in un solo Dio, creatore dell ' universo; in Gesù Cristo, suo unigenito Figlio, morto e risorto per offrire alle donne, agli uomini e alla creazione tutta un ' esistenza carica di senso in questa vita e oltre; nello Spirito Santo, potenza di Dio operante nella storia.

scarica e/o stampa il trattato : chi sono gli evangelici (50 KB)































settimanale protestante












rubrica radiofonica
(collegamento al sito rai -
tutti i diritti sono riservati)














rubrica televisiva
(collegamento al sito rai -
tutti i diritti sono riservati)



























































Come conoscere Dio personalmente ?

L'uomo è stato creato per conoscere, amare e avere comunione con Dio. Le quattro verità che seguono indicano come puoi conoscere Dio personalmente e come fare l'esperienza della vita di cui parla Gesù.
Gesù disse: " Io sono venuto perché abbiano vita, una vita vera e completa" (Giovanni 10:10).
Dio ti ama e ti ha creato perché tu abbia un rapporto personale con Lui.
Come puoi sapere che Dio ti ama? "Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna." (Giovanni 3:16).


Dio vuole che tu lo conosca:


Gesù ha detto:"Questa è la vita eterna: che conoscano te, il solo vero Dio, e colui che tu hai mandato, Gesù Cristo " (Giovanni 17:3).
Se questa è la volontà di Dio, che cosa c'impedisce di avere un rapporto personale con Lui?

Il peccato ci separa da Dio:


per questo non possiamo avere un rapporto personale con Lui, né godere del suo amore. Siamo tutti peccatori "Tutti hanno peccato e sono privi della Gloria di Dio" (Romani 3:23).
Che cos'è il peccato? L'uomo, creato per vivere in rapporto personale con Dio, ha deciso da solo che cosa fare della propria vita. Dimostriamo questo atteggiamento o ribellandoci apertamente, o ignorandolo, o essendo semplicemente indifferenti al suo amore.
Il peccato ci separa da Dio "Perché il salario del peccato è la morte " [separazione da Dio per sempre] (Romani 6:23). "ma le vostre iniquità vi hanno separato dal vostro Dio; i vostri peccati gli hanno fatto nascondere la faccia da voi, per non darvi più ascolto " (Isaia 59:2). Dio è santo, noi siamo peccatori. Un abisso ci separa. C'è un vuoto nella nostra vita che nulla può riempire: né amici, né denaro, né cultura, né carriera, né altro. Possiamo provare a lanciare ponti per raggiungere Dio con pratiche religiose, comportandoci bene, con la meditazione, ma sono tutti sforzi inutili, perché non risolvono l'origine del problema: il peccato.

La soluzione al problema:


Gesù Cristo è l'unica soluzione. Egli ha distrutto il potere del peccato e ristabilito il rapporto tra Dio e l'uomo. E' morto al nostro posto "Cristo ha sofferto una volta per i peccati, lui giusto per gli ingiusti, per condurci a Dio" (1 Pietro 3:18). "Dio invece mostra la grandezza del proprio amore per noi in questo: che, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi" (Romani 5:8). E' risuscitato dai morti. Pietro disse: "Quest'uomo [Gesù], quando vi fu dato nelle mani ... voi, per mano di iniqui, inchiodandolo sulla croce, lo uccideste; ma Dio lo risuscitò ..." (Atti 2:23-24). Gesù Cristo è l'unica via per arrivare a Dio. Gesù disse: "Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me" (Giovanni 14:6).
Ciò che meritiamo come giusta condanna per il nostro peccato è la separazione da Dio. Ma Dio ha mandato suo Figlio per espiare la nostra pena morendo sulla croce. Gesù è così diventato il ponte sopra l'abisso che ci separa da Dio. Per questo ora possiamo conoscere Dio ed essere perdonati per il nostro peccato.

Bisogna accettare Gesù Cristo come Salvatore e Signore; solo allora è possibile conoscere Dio personalmente e godere del suo amore:


Devi ricevere Gesù. "A tutti quelli che l' hanno ricevuto egli ha dato il diritto di diventare figli di Dio: a quelli, cioè, che credono nel suo nome" (Giovanni 1:12). Devi ricevere Gesù per fede. "Infatti è per grazia che siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non viene da voi; è il dono di Dio. Non in virtù di opere affinché nessuno se ne vanti" (Efesini 2:8-9).
Ricevere Gesù è fare l'esperienza di una nuova nascita. Leggi Giovanni 3:1-8."Chi crede in lui non è giudicato; chi non crede è già giudicato, perché non ha creduto nel nome dell' unigenito Figlio di Dio."


Dio e l'aritmetica
(Jean Lemonnier)

Delle quattro operazioni, dice il Signore,
quella che preferisco e' la moltiplicazione.


L'addizione, va bene,
ma non va abbastanza in fretta, per me,
va bene per i contabili,
io non sono un contabile!

La sottrazione, non e' il mio genere;
quando bisogna togliere, levare,
defalcare, sottrarre,
ho male dappertutto!
E' piuttosto l'affare dell'esattore.

Quanto alla divisione,
passo tutto il mio tempo a ripararne i danni,
sono secoli e secoli che cerco di insegnare
agli uomini di non fare più divisioni,
ma sono degli insigni divisori,
dei divisori infaticabili, incorreggibili,
si servono perfino del mio nome per dividere.

Ma la moltiplicazione, sì,
questa e' la mia specialità !
Io stesso mi ritrovo nella moltiplicazione,
mi sento a mio agio nella moltiplicazione,
sono imbattibile in questo genere di operazione !


Sono il moltiplicatore,
moltiplico tutto:
il perdono, l'amore, la gioia, la vita.


Rinnovamento del Patto

Signore,


io non appartengo più
a me stesso, ma a te,

Impegnami in ciò che vuoi,
mettimi a fianco di chi vuoi;
che io sia sempre
tuo testimone,
sia nella pienezza delle forze,
sia quando le forze
vengono meno,
sia che io mi trovi nella gioia,
sia che io mi trovi nel dolore.

Liberamente e di pieno
cuore mi sottopongo alla tua
volontà e metto ogni cosa al
tuo servizio.

Tu sei il nostro Dio e
noi siamo il tuo popolo.


Amen








Home Page | lettura del giorno | piano lettura Bibbia | chi siamo | dove siamo | visita virtuale | biblioteca evangelica | pastore | consiglio di chiesa | piano culti e attivita' | audio e video | foto | John Wesley | documenti | come sostenerci | contatti | Privacy & Cookies | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu